Domande frequenti (FAQ)

Il Dr. Sambataro risponde alle domande di ortognatodonzia più frequenti poste dai genitori e dai pediatri. Una risorsa utile, disponibile 24 ore su 24.

Domande frequenti

  • Ortodonzia o Ortopedia?
  • A che età è consigliabile una visita ortodontica?

    Una prima visita ortodontica specialistica è consigliabile fra i 3 ed i 6 anni di età. Una crescita disarmonica delle basi ossee o una alterata funzione dell’apparato stomatognatico (masticazione, respirazione, deglutizione) può essere corretta, se intercettata precocemente, e trattata più efficacemente e più semplicemente durante questo periodo della crescita. Una malocclusione, anche in fase di dentatura da latte, può essere il segno di una disarmonia dento-scheletrica.

  • Quali sono gli obiettivi di un trattamento precoce?
  • Come viene effettuata una diagnosi e stabilito se È necessario intervenire a 5 anni o rimandare quando vengono cambiati tutti i denti (11-12 anni)?
    • una visita, che non si limita a valutare la bocca e la posizione dei denti, ma svolge un’analisi approfondita del viso, della muscolatura, delle articolazioni temporo-mandibolari e dei denti. Tutti i diversi elementi devono essere indagati e posti in correlazione per formulare una diagnosi e prospettare al paziente la migliore risoluzione;
    • set radiografico che permette di valutare i denti, le basi scheletriche e le articolazioni temporo-mandibolari;
    • record fotografico per l’analisi del volto;
    • rilievo di impronte dei denti e successiva realizzazione di modelli di studio.

    L’insieme di queste informazioni serve per formulare una diagnosi (condizione iniziale), e una prognosi, e cioè di prevedere la crescita mediante un sofisticato programma computerizzato, che tiene conto di parametri individuali, oltre al sesso, età e razza, e di pianificare un piano di trattamento ad hoc.

  • Quali sono gli obiettivi di un trattamento precoce in età compresa fra 5 e 8 anni?

    In tutti quei pazienti in cui si è stabilita una reale indicazione, una terapia ortodontica precoce offre molte opportunità:

    • guidare la crescita dell’osso mascellare e della mandibola;
    • ampliare il palato nel caso di morso incrociato;
    • correggere l’eccessiva protrusione del mascellare e degli incisivi superiori e ridurre così il rischio di trauma degli elementi stessi (profilo convesso, classe II);
    • correggere la retrusione del mascellare e la protrusione della mandibola (profilo concavo, classe III);
    • eliminare i problemi legati ad abitudini viziate (succhiamento del dito, interposizione tra i denti della lingua, interposizione tra i denti del labbro inferiore, respirazione orale, fonazione non corretta);
    • favorire una corretta eruzione dei denti permanenti;
  • Quali sono gli obiettivi del trattamento intercettivo in età compresa tra i 9 e i 12 anni?

    Se il bambino ha una crescita scheletrica regolare ed armonica l’attenzione verrà rivolta alla permuta: si valuta lo spazio disponibile per i denti permanenti lungo le arcate e si pianificano gli eventuali interventi per guidarne il percorso eruttivo. Terminata la permuta dentaria si valuta la necessità di una fase di allineamento e correzione dei rapporti per consolidare l’occlusione.

  • Quali sono gli obiettivi di un trattamento ortodontico in un paziente adulto?

    Quando vi è una congruenza tra le basi scheletriche, gli obiettivi sono l’allineamento dei denti e il miglioramento del profilo. Se, invece, vi è una disarmonia scheletrica allora questa va corretta chirurgicamente e contemporaneamente al raddrizzamento dei denti.

  • Fino a che età può essere messo l’apparecchio?

    L’apparecchio finalizzato alla correzione della posizione dei denti può essere messo a qualsiasi età. Se è necessario avere un’influenza sulla crescita dei mascellari allora la risposta è più precocemente possibile (3-5 anni).

  • Perché a volte è necessario eliminare i denti sani?

    I denti si allineano lungo le arcate e si assestano in funzione delle forze muscolari e dello spazio che hanno a disposizione. Talvolta, però, la lunghezza di arcata non è sufficiente ad ospitare tutti i denti. Solitamente gli ultimi denti che erompono non riescono a ad allinearsi correttamente e si dispongono dove trovano minore resistenza: tipici sono i canini che erompono alti ed esterni o i denti del giudizio che rimangono inclusi nell’osso per mancanza di spazio. Se si vogliono allineare i denti nelle arcate ripristinando una buona occlusione e non è possibile un’espansione di arcata, si rende necessaria l’estrazione di elementi dentari che spesso sono perfettamente sani (di solito i premolari).

Se non hai trovato la risposta che cercavi contattata direttamente l’esperto.

AVVISO PER I PAZIENTI

Nell'interesse della salute di tutti e nel rispetto delle direttive governative, il Centro di Ortodonzia Sambataro rimarrà chiuso per tutte le prestazioni differibili.

La segreteria è a disposizione tutti i giorni dalle 9 alle 17.30 per gestire esclusivamente le emergenze allo 095/4031241.

Continuate a seguirci per ricevere i nostri aggiornamenti.

Cordiali Saluti

Dr Sergio Sambataro